Non Capovolgere è una rivista che viene pubblicata per la prima volta nel 1992, con l'intento di sollecitare la curiosità dei lettori, utilizzando una comunicazione diretta, fatta di testi ma soprattutto di immagini. Al suo interno si trovano testi di carattere culturale: musica, teatro, poesia, cinema. A questo proposito si ricorda l'intervento fatto da Liliana Cavani sul suo film "Dove siete, io sono qui", presentato in anteprima proprio nella città di Mantova. La caratteristica di questa rivista infatti è di esser sempre aggiornata, ma soprattutto promotrice di eventi eccezionali. Il tempo ha permesso alla redazione, (composta da Lorella Salvagni, Viviana Buttarelli, Giuliana Guastalla, Valter Rosa, Franco Bruno, editore Giuseppina Salvagni) di approfondire e specializzarsi nella direzione dell'arte contemporanea adottando così una impostazione estetica più ricercata e innovativa.

Dal n° 11 la rivista Non Capovolgere si occupa esclusivamente di arte contemporanea, documentando mostre inedite e facendosi promotrice di eventi culturali significativi

Il lettore di Non Capovolgere ha nel suo DNA la curiosità e la volontà di spaziare in questa direzione. E di certo la rivista non delude. Scoprire novità non dichiarate, di grande interesse culturale, è lo scopo principale, un esempio molto esemplificativo è la mostra della collezione di opere dedicate a Napoleone Bonaparte "Bonap'Art", di Nanni Ghio e Vittoria Gualco, nata dal desiderio "ludico" di smitizzare un mito e dall'amore per l'arte (così dichiarano gli autori della collezione). La ricerca in questa direzione li ha indotti ad avere contatti con artisti a cui commissionare una loro interpretazione del soggetto scelto. Alla collezione appartengono artisti di fama mondiale che, con il loro contributo creativo, hanno apportato innovazioni nell'arte contemporanea. Tra questi: Mimmo Rotella, Mark Kostabi, Eugenio Miccini, Alison Knowles, Aldo Mondino, Daniel Spoerri, Fried Rosenstok, ecc.

Nel n° 13 di Non Capovolgere è stata documentata la collezione di Cravatte "Collane di cravatte" di Fabrizio Boggiano, una curiosa collezione nata da un interesse del collezionista per l'oggetto e col pretesto di rinventare un nuovo approccio all'arte contemporanea. Gli artisti appartengono a correnti differenti, tra questi si ricordiamo Philip Corner, Mark Kostabi, Ben Vautier, Claudio Costa, Ugo Carrega, Nam Jum Paik, Daniel Spoerri, Enrico Bay, ecc.
Il n° 14 di Non Capovolgere documenta la storica galleria Linea 70, nata e diretta da Pippo Avola prima, e successivamente dalla moglie Maria Grazia Bruno.
È da sottolinerare l'attività editoriale ed espositiva che ha dato vitalità alla galleria, portando ad accendere dibattiti con intellettuali ed artisti di calibro come: Ernesto Treccani, Achille Perilli, Giulio Turcato, Giò Pomodoro, Piero Dorazio, Ernesto Scanavino, Giuseppe Santomaso, Eugenio Miccini, Emilio Vedova , ecc.
Nel n° 15 viene documentata la collezione di "ritratti" e "scatole d'artista" commissionati ad artisti dalla gallerista Caterina Gualco raccolte durante i 30 anni della sua attività nel campo dell'arte contemporanea. La collezione di circa 500 scatole di varie dimensioni è arricchita di nomi quali Ben Patterson, Berty Skuber, Roland Sabatier, Joseph Beuys, Dich Higgins, Malcom Doldestein, Sarenco, Yoko Ono e molti altri.
Non Capovolgere è distribuita agli addetti ai lavori e in molte gallerie e librerie nelle città di Milano, Brescia, Mantova, Bologna, Modena, Roma, Genova, Napoli.

NON CAPOVOLGERE Periodico d'arte contemporanea
Redazione Via Frattini, 17
46100 MANTOVA
tel. 0376 327712

Back

[HOME] [E-MAIL] [RICHIEDI UN PREVENTIVO] [ARTE] [GRAFICA]

Lorella Salvagni Arte & Design - Via Frattini, 17 Mantova
Sito realizzato da Officine Kairòs